Osteopatia

Dolore cervicale e reflusso gastro-esofageo

Sapevi che il dolore cervicale cronico, può avere una relazione con la funzionalità gastrica? Quando il paziente lamenta un senso di tensione costante presente anche al risveglio, spesso prevalente sul lato sinistro, possiamo sospettare ad una disfunzione gastrica. Bastano poche domande ( si associa bruciore alla gola e dietro lo sterno? Cattiva digestione? Acidità di stomaco?) e alcuni test per verificare tale relazione.

Perché esiste una relazione tra stomaco e rachide cervicale?

  • Connessione anatomica diretta tramite l’esofago.
  • Connessione neurologica e anatomica con i nervi vaghi.
  • Connessione anatomica con emidiaframma sinistro , emitorace sinistro, clavicola sinistra.
  • Relazione diretta tramite la catena centrale fino all’occipite.
  • Relazione funzionale con la deglutizione.

Cosa può fare l’osteopata?

Tecniche di mobilizzazione, manipolazioni viscerali dello stomaco (struttura muscolare liscia) e detensionamento del diaframma, stimoleranno la fisiologica funzionalità gastrica. Si tratta manualmente il rachide dorsale (relazione ortosimpatica), il rachide cervicale, la catena centrale, le strutture in relazione con il nervo vago, fino a trattare la sfera craniale. Il tutto va fatto in accordo con il gastroenterologo o medico di base. Uno stile di vita sano, attività motoria adeguata e un’alimentazione corretta sono alla base di un approccio terapeutico efficace.

Commenti disabilitati su Dolore cervicale e reflusso gastro-esofageo